Home » Ultime notizie

Criticità sistemi di depurazione: riunito il tavolo tecnico

(Francavilla di Sicilia, 25 Gennaio 2013) - Si è tenuto nei giorni scorsi a Palermo presso il dipartimento regionale dell'acqua e dei rifiuti il primo incontro relativo all'attivazione di una serie di azioni di tutela del fiume Alcantara.

L'incontro, richiesto dal Presidente Bruno De Vita appena insediato, era finalizzato alla necessità di prevedere forme di collaborazione mirate alla tutela delle acque dell'Alcantara, attraverso il miglioramento o la realizzazione ex novo di impianti o sistemi di depurazione delle acque reflue.

Accogliendo la richiesta del Parco  è stato pertanto istituito un tavolo tecnico, per evitare situazioni di  criticità lungo l'asta fluviale. Alla presenza del Presidente Bruno De Vita, del Sindaco di Graniti Marcello D'Amore in rappresentanza del Comitato Esecutivo e del dirigente dell''ufficio tecnico del Parco Nunzio Priolo, dei dirigenti del dipartimento regionale dell'acqua e dei rifiuti Paolo Rizzo e Giustino Ingrassia Strano e del dirigente dell'Ufficio del Commissario delegato per le acque in Sicilia Salvo Puccio è stata stilata una lista di criticità per il territorio dell'Alcantara, convenendo sull'esigenza di dotare tale territorio di un adeguato sistema di depurazione.

"E' ovvio che la depurazione nelle aree fluviali ed in particolare nelle aree Parco riveste una particolare importanza; per questo motivo bisogna  puntare sulla qualità delle acque investendo sulla depurazione" ha dichiarato Bruno De Vita nel corso dell'incontro. E tale concetto è stato ampiamente condiviso da tutti gli attori presenti.

Per questo motivo infatti è stato già finanziato il depuratore consortile di Gaggi, Graniti e Motta Camastra e potrebbe toccare a breve ai Comuni di Randazzo e Giardini, direttamente coinvolti in quanto ricadenti anch'essi nel territorio del Parco e per i quali sono già stati positivamente valutati i relativi progetti.

Il prossimo incontro, calendarizzato a breve termine,  prevede l'approfondimento delle tematiche tracciate, utilizzando a tal fine uno studio di fattibilità recentemente acquisito dal Parco Fluviale, con l'obiettivo di attivare un percorso negoziato finalizzato ad una programmazione unitaria degli interventi destinata a superare le criticità la cui cabina di regia dovrebbe essere affidata al Parco dell'Alcantara.